Brexit: Europa perde forza anche su politiche ambientali?

La Brexit potrebbe essere anche un duro colpo per le politiche ambientali del vecchio continente

WhatsApp Share

La futura uscita della Gran Bretagna avrà rispercussioni anche sulle politiche ambientali? La situazione preoccupa perché l'Europa avrà meno peso a livello internazionale e la Gran Bretagna è un paese grande con una economia avanzata.

Secondo l'ex ministro dell'ambiente, Corrado Clini, interpellato dall'Adnkronos: 'non c'è dubbio che il ruolo di negoziazione dell'Ue a livello globale viene rallentato'. L'ex ministro insiste poi sul concetto di 'burden sharing', l’assegnazione ad ogni paese di un target nazionale per ridurre le emissioni inquinanti.

Spiega Clini: 'la Gran Bretagna avrà una posizione autonoma, non più legata al contesto internazionale di negoziazione. Questo rafforzerà la posizione degli Stati Uniti, in quanto la Gran Bretagna, fino ad oggi, ha svolto un ruolo di ponte'.

Inoltre se la Gran Bretagna volesse accelerare sul piano industriale sarebbe svincolata dai trattati europei in materia di emissioni e quindi potrebbe sentirsi anche più 'libera' di inquinare.

Per dimezzare le emissioni di Co2, l’Unione Europea ha presentato delle linee guida: alimentazione sostenibile, auto ecologica, lavoro da casa