12 centrali idroelettriche in Kirghizistan

La Repubblica del Kirghizistan ha finalmente chiuso l'accordo per la costruzione di centrali idroelettriche nel paese

WhatsApp Share

24 Novembre 2017

Il governo del Kirghizistan ha annunciato da poco di aver chiuso «unilateralmente» l'accordo per i contratti con Liglass Trading per costruire 12 centrali idroelettriche, sottolineando l'insuccesso della società nell'inserire un pagamento di circa 31 milioni di Euro come parte dell'accordo – secondo Liglass Trading, questo pagamento era per ricomprare il 50% delle azioni di un ex investitore russo della società (ZAO Verkhne-Narynsie GES).

Durante l'annuncio, la Repubblica del Kirghizistan ha anche mostrato le lettere del governo ceco e dell'amministrazione presidenziale che sostenevano l'offerta iniziale di Liglass e ha dichiarato che la Repubblica avrebbe mantenuto la quota di 930 mila Euro già pagata da Liglass.

Nel mese di luglio, la Repubblica del Kirghizistan e la Liglass Trading, con sede a Zelezny Brod nella Repubblica Ceca, hanno firmato accordi per la costruzione e il funzionamento dell'impianto idroelettrico di Akbulun da 100 MW e di Naryn-1 (alla cascata: una centrale di 237 MW, probabilmente). Secondo quello stesso accordo, la società sarebbe anche responsabile della messa in atto della costruzione di piccole stazioni idroelettriche presenti nel progetto Kirghizistan: una serie di dieci piccole unità elettriche generatrici.

Originariamente, per costruire gli impianti, i costi stimati sono stati riferiti essere tra i 340 milioni di Euro e i 590 milioni circa. Nel gennaio del 2016, il parlamento dei Kirghizistan, ha rifiutato un piano con Inter RAO e RusHydro contenente offerte di valore superiore a 2,5 miliardi di Euro che avrebbero aggiunto oltre 2 GW di capacità idroelettrica.