Malessere da lavoro: cinque segnali per capire se c’è qualcosa che non va

È semplice stanchezza o c'è un problema? 

Una sensazione di malessere può avere molte cause, ma spesso a metterci k.o. è proprio il lavoro che facciamo. A pensarci bene il lavoro occupa gran parte della giornata e quindi è naturale riflettere sulle conseguenze che ha sulla nostra salute e sul nostro umore.

Ci sono dei segnali precisi che il nostro corpo ci invia per farci capire che qualcosa non va. È proprio il nostro lavoro che ci sta danneggiando, al di là della comprensibile stanchezza?

Il dottor Sandi Mann, docente di psicologia alla University of Central Lancashire (UCLan), ha elencato al 'Mail Online' una serie di segnali per capire se il nostro lavoro è la causa del nostro malessere.

  1. Non dormire bene. Spesso è segnale che si hanno troppe cose per la testa. Tra queste possono rientrare le preoccupazioni per il lavoro, che incidono negativamente sul sonno.
  2. Essere irascibili. Lo stress, soprattutto se causato dal lavoro, può farci a perdere la pazienza con più facilità.
  3. Non riuscire a concentrarsi e commettere errori. Ce ne accorgiamo se facciamo tanti piccoli errori. Lo stress, inoltre, ci fa inserire il 'pilota automatico’: per questo non riusciamo a concentrarci a lungo su qualcosa.
  4. Sentirsi emotivi e perdere il sense of humour. Capita spesso di sentirsi depressi o scoppiare a piangere. Se il lavoro è poco soddisfacente e lo stile di vista troppo austero, rischiamo di perdere il senso dell’umorismo. Gli altri ci vedranno cupi e negativi.
  5. Svegliarsi ogni mattina con l'ansia. Se ci svegliamo con l'ansia al solo pensiero della giornata che abbiamo davanti o semplicemente non abbiamo voglia di alzarci dal letto, significa che il lavoro sta avendo un effetto negativo sulla nostra salute mentale.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER