La memoria può essere ereditata?

Gli scienziati hanno capito come le esperienze di vita possono essere trasmesse ai nostri figli e ai figli dei nostri figli

Partiamo da una parola: epigenetica. L'epigenetica è lo studio dei cambiamenti ereditari che variano l'espressione genica senza modificare la sequenza del nostro DNA: «ricordi» che passano dai genitori ai figli senza essere scritti sul nostro codice genetico.

È questo quello di cui si sono occupati gli scienziati della Tel Aviv University (TAU). Come è possibile che le esperienze di vita si ereditino? Come può succedere che i figli di sopravvissuti a eventi traumatici subiscano effetti di quel trauma e poi li trasmettano, a loro volta, alle generazioni successive? 

Ponendosi queste domande, gli scienziati sono arrivati a scoprire l'esatto meccanismo seguito da questo trasferimento di informazioni e anche il modo in cui questo meccanismo può essere acceso o spento – la loro ricerca è stata recentemente pubblicata sulla rivista scientifica Cell

Il loro studio è partito dalla dimostrazione che i vermi ereditavano piccole sequenze di RNA in seguito a traumi subiti dai loro genitori, come la fame o le infezioni virali, e questo contribuiva a preparare la prole ad affrontare difficoltà di questo genere: attraverso le generazioni, il meccanismo si amplificava, in modo che queste reazioni non diminuissero. Grazie alla presenza di alcuni enzimi (gli RdRP) che ri-creavano le piccole sequenze di RNA necessarie a mantenere attiva l'informazione, questa poteva andare avanti nel procedere delle generazioni.

A partire da questa scoperta, gli scienziati sono stati in grado di determinare alcuni geni specifici – che hanno chiamato MOTEK (Modified Transgenerational Epigenetic Kinetics) – che, interagendo con le sequenze di RNA ereditate, gestiscono l'attivazione o la disattivazione del meccanismo che trasmette i «ricordi».

La volontà degli autori di questa ricerca è continuare a lavorare su queste scoperte, per arrivare a completare il quadro della teoria dell'ereditarietà negli esseri umani.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER