ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
A sei anni da solo sul barcone ritrova la sua mamma, presto l'abbraccio tra i due-Migranti: il piccolo Madou (6 anni) attraversa il Mediterraneo da solo, ora ha ritrovato la mamma (3)-A Energas 'Industria Felix Award' per gestione e affidabilità finanziaria-A Energas 'Industria Felix Award' per gestione e affidabilità finanziaria-Dl semplificazioni: alle 12 conferenza stampa Conte-Ue: Berlusconi, 'Dombrovskis conferma impegno Commissione su Pmi'-Ue: Berlusconi, 'Dombrovskis conferma impegno Commissione su Pmi' (2)-Sicilia: dissesto idrogeologico, in sicurezza centro storico di Santa Lucia del Mela-Sicurezza: Tajani, 'restituire dignità a forze dell'ordine'-Dl semplificazioni, Renzi: "Passo avanti, ora aprire cantieri"-**Dl semplificazioni: Renzi, 'passo avanti, ora aprire cantieri e stop polemiche'**-Dl rilancio: Fdi, 'Spadafora ignora sport, bocciata misura credito imposta'-Ocean Viking, migranti tutti negativi al Covid: terminato trasbordo-Migranti: tutti negativi al Covid i 180 naufraghi sulla Ocean Viking, terminato trasbordo-**Mafia: perquisiti ufficio e abitazione sindaco Paceco, è indagato**-Scuola: Azzolina in visita a liceo Floridia dove si è diplomata-Mafia: arresti Trapani, inquirenti 'dopo scarcerazione Asaro lavorava su società illecita'-Mafia: arresti Trapani, inquirenti 'dopo scarcerazione Asaro lavorava su società illecita' (2)-Mafia: arresti Trapani, pm 'suggellato patto tra il boss ed ex deputato Ruggirello' (2)-Dl semplificazioni: Cdm approva 'salvo intese'

Energia dalle onde e protezione delle coste

Condividi questo articolo:

Le nuove turbine giapponesi oltre a produrre energia dalle maree difendono le coste dall’erosione

I ricercatori dell’Okinawa Institute of Science and Technology (OIST) in Giappone stanno lavorando per creare delle turbine speciali che, oltre a raccogliere energia dalle onde contemporaneamente proteggono le coste dall’erosione. Le turbine sono progettate per essere ancorate al livello del mare con cavi di ancoraggio vicini a tetrapodi (strutture di calcestruzzo a forma di stella progettate per ridurre l’erosione) o a barriere naturali come le barriere coralline. Queste strutture hanno enormi potenzialità per attenuare l’impatto di onde potenti sulle rive e catturare l’energia oceanica apparentemente infinita.

Lo sdoppiamento della funzione di queste turbine trae vantaggio dalle infrastrutture preesistenti in Giappone, visto che il 30% delle rive del mare del paese è coperto da tetrapodi e interruttori d’onda. Inoltre, utilizzando solo l’1% della riva del continente giapponese si possono generare circa 10 Gigawatt, un’energia equivalente a quella prodotta da 10 centrali nucleari. Numeri e possibilità incredibili, insomma.

Le turbine saranno progettate per stare in sicurezza, in tutta la filiera energetica, ma non solo, saranno progettate anche per la sicurezza della fauna marina – infatti, la velocità delle lame è calibrata e sia le lame che la struttura di supporto sono flessibili. Per ogni turbina si è stimata una durata di dieci anni prima della sostituzione, ma i creatori stanno pensando di fare ancora meglio nel futuro.

L’immagine che hanno raccontato di voler avere è quella del pianeta tra duecento anni dopo, con le turbine sulle spiagge giapponesi che ancora lavorano sodo e bene.
Staremo vedere. Noi o i nostri pronipoti, insomma.

Questo articolo è stato letto 25 volte.

energia, giappone, mare, onde, turbine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net